Impianto di aspirazione centralizzato: cos’è, come funziona e quanto costa è stato modificato: 2018-03-11 di Igor Pizzinato

Impianto di aspirazione centralizzato, come funziona, tipologie e costo

Nelle nostre abitazioni tutti i giorni si accumulano polveri che contengono acari e allergeni che impattano negativamente sulla nostra salute. Oltre che in ambito civile, qualcosa di simile succede anche in ambito industriale, negli uffici e perfino nella nostra auto: in ogni luogo si genera polvere che crea non pochi problemi in particolare a chi soffre di asma e allergie. Che cosa fare quindi per contrastare l’avanzata delle particelle inquinanti che respiriamo nell’aria dell’abitazione? La soluzione c’è ed è semplice: basta dotarsi di un impianto di aspirazione centralizzato per iniziare a migliorare da subito la qualità di vita.

Non conosci il sistema centralizzato di rimozione delle polveri? Non ti preoccupare, nelle righe successive ti spiegherò come funziona questo sistema e ti fornirò una serie di informazioni, incluso uno schema, grazie a cui capirai come fare per installare l’impianto di aspirazione centralizzato. Ti va? Allora prenditi qualche minuto di tempo libero per leggere questa pagina dedicata all’argomento.

Aspetta, forse hai già letto alcune opinioni di persone su siti di discussione di edilizia e della casa, come i forum, riguardo i pro e contro dell’impianto di aspirazione centralizzato, e hai il timore che non sia una scelta fattibile per te, perché hai letto che i prezzi sono troppo alti? Se è così, ti accontento subito e ti invito a continuare la lettura. Non c’è nulla di troppo costoso nella predisposizione dell’impianto di aspirazione centralizzata, e con le informazioni che acquisirai con la lettura di questo tutorial, sarai in grado tu stesso di valutare la soluzione di impianto migliore per te. Sei pronto a leggere? Bene, bando alle ciance e partiamo! Buona lettura.

 

Come funziona l’impianto di aspirazione centralizzato di casa

Vorresti aspirare le polveri con un sistema di aspirazione centralizzato? Lo puoi fare grazie alla  potenza della centrale aspirante, elemento principale, ma prima devi aver predisposto l’impianto.

Se ti stai chiedendo come funziona l’impianto di aspirazione centralizzato, nelle prossime righe troverai una risposta.

Devi sapere innanzitutto che per aspirare le polveri ti devi procurare un tubo flessibile che devi connettere alla bocchetta aspirante.

In questo modo si aziona la centrale aspirante che eroga la portata d’aria e depressione sufficienti ad aspirare le polveri e rimuoverle da pavimenti e tappeti di casa.

Potrai usare il leggero tubo per aspirapolvere e gli accessori pulizia combinati per aspirare le polveri. In alternativa, puoi utilizzare un tubo flessibile con interruttore ON/OFF, o Wireless, per gestire in modo automatico l’accensione dell’aspirapolvere centralizzato.

Una volta pulita la tua abitazione, non dovrai più preoccuparti per la presenza di micro polveri, acari e allergeni su pavimenti, tappeti e divani: tutto quello che aspiri infatti raggiunge la centrale aspirante e lì ci rimane. Così l’ambiente della tua residenza rimane pulito.

E tutelerai la tua salute e quella dei tuoi cari.

Potrai ritrovare l’accumulo di polveri e di sporcizie aspirate nel contenitore dell’aspirapolvere ciclonico, che va svuotato ogni 3 o 4 mesi, a seconda della frequenza di utilizzo. La manutenzione è minima e così pure l’esposizione alle micropolveri.

A differenza di quanto succede con l’aspirapolvere a traino o con la scopa elettrica (il folletto, per capirci), con l’aspiratore centralizzato non entri mai in contatto diretto con le micro polveri in sospensione in aria.

Hai capito che il sistema è vantaggioso, ma il tutto non potrebbe funzionare senza il sistema di tubazioni a muro. Ed è proprio di questo che ti parlo nel prossimo paragrafo.

 

Come installare un impianto di aspirazione centralizzato

Impianto di aspirazione centralizzato schema
Schema tipo di impianto di aspirazione centralizzato. Credit image Aspiredil

Come ti ho accennato, puoi utilizzare un aspirapolvere centralizzato soltanto se prima hai predisposto la tubazione sottotraccia nei pavimenti e nelle pareti. Puoi anche optare a una soluzione in controsoffitto, se necessario.

Per aiutarti a comprendere lo sviluppo dell’insieme di tubi, curve, derivazioni, manicotti, controprese e bocchette aspiranti che compongono l’impianto di aspirazione centralizzato, ti propongo uno schema standard esemplificativo dell’impianto.

Perché mostrarti uno schema? Semplice, perché prima di iniziare a parlare di macchina aspirante, devi sapere come fare per installare la rete tubiera. Ti avevo promesso che ti avrei aiutato, ricordi? Del resto è il mio lavoro, sono uno specialista dell’aspirapolvere centralizzato.

Ora tieniti forte, sto per svelarti le informazioni di cui puoi avere bisogno: 

  • calcolo del materiale: il materiale di predisposizione dipende dalla superficie dell’abitazione. Il numero delle bocchette è su base parametrale: si installa una bocchetta a muro ogni 30/35 mq di superficie. Non ti devi preoccupare di calcolare tutto il materiale da solo, a questo ci pensa chi vende;
  • posizione della centrale aspirante: solitamente viene posta nei piani inferiori della casa, in corrispondenza di un locale tecnico (lavanderia, locale macchine) o garage. Talvolta viene posta anche all’esterno, con opportuni accorgimenti;
  • espulsione dell’aria (sfiato) in atmosfera: quando possibile è sempre consigliabile sfiatare l’aria all’esterno, in atmosfera, per avvantaggiarsi del beneficio di salute di espellere dalla casa anche le più piccole micropolveri;
  • giunzione delle tubazioni e rispetto del verso derivazioni: non esistono connessioni di tipo maschio e femmina nelle tubazioni dell’aspirazione centralizzata, non funziona come nell’impianto idraulico. Per rispettare una posa corretta, è bene porre attenzione alle giunzioni dei tratti di tubo con le curve, manicotti e derivazioni, ed è fondamentale rispettare il corretto verso delle derivazioni, che devono essere poste sempre a favore di flusso nella direzione della centrale aspirante;
  • incollaggio: le tubazioni si devono incollare con colla tangit, idonea per PVC e ABS, e non con altri particolari tipi di colla che possono creare problemi nel tempo.

Se hai necessità di conoscere maggiori dettagli, richiedimi una copia del MANUALE di installazione.

Come avrai già intuito, l’installazione della rete tubiera è molto semplice. Se ti stai quindi chiedendo se puoi installare il sistema da solo, con una soluzione di fai da te, ti rispondo di sì: puoi farlo!

In questo lavoro sei facilitato perché oggi giorno puoi acquistare facilmente online i kit di aspirapolvere centralizzato completi di tutti i componenti per realizzare in modo corretto il tuo impianto di aspirazione.

 

kit aspirapolvere centralizzato
Online trovi kit aspirapolvere centralizzato di predisposizione impianto a ottimi prezzi

 

Ora che hai capito come fare per installare la predisposizione del sistema aspirante, è il momento di dare una risposta ai tuoi timori circa la scelta dell’aspirapolvere centralizzato.

 

Cerchi un’opinione sulle migliori marche di aspirapolvere centralizzati?

Aspirapolvere centralizzato per abitazioni
L’aspirapolvere centralizzato per abitazioni semplifica le pulizie di casa. Credi image Beam Electrolux

Se sei arrivato a leggere fino a qui è perché mi hai conosciuto e vuoi sapere qualcosa di più sul prodotto che vendo, oppure hai predisposto un impianto e stai cercando informazioni o consigli per l’acquisto di una centrale aspirante di qualità per completarlo.

Se hai destinato al web i tuoi intenti di ricerca iniziale di informazioni, ti sarai con alta probabilità trovato a navigare sui siti di varie aziende, ognuna che spinge il proprio prodotto per le specifiche peculiarità. Magari non ci hai capito un granché, e non sai che prodotto acquistare.

Se poi hai sbirciato anche i commenti sui forum, avrai anche letto tante opinioni diverse su quale marca e modello di centrale aspirante sia meglio scegliere.

Ehi, non ti preoccupare! Sono qui proprio per questo: aiutarti a far luce e chiarezza e toglierti ogni dubbio.

Ti posso dire una cosa? E’ una confidenza: sappi che qualsiasi marca di aspirapolvere tu sceglierai, ammesso sia un prodotto di origine italiana, capiterai bene.

Devi sapere infatti che l’Italia ha un ampia tradizione nel settore dell’aspirazione centralizzata, e di questo vado fiero e ne parlo con orgoglio. Molte aziende italiane come Aertecnica Tubò, Sistem Air, Disan, General D’Aspirazione Gda, Aspiredil, Vacuflo, Enke sono nel settore da molti anni e hanno introdotto importanti innovazioni nei loro prodotti e servizi.

Lo sai qual è il bello? I componenti installati nelle centrali aspiranti del mercato italiano, bene o male, sono gli stessi per tutti, perché condivisi.

Questo significa che una volta scelto il prodotto, avrai sempre la certezza di poter godere di assistenza continuativa e di trovare ricambi per il tuo aspirapolvere centralizzato anche in futuro. Fico, no?

A dir la verità un piccolo fattore differenzante c’è… e te ne voglio parlare subito.

 

Migliorare le prestazioni filtranti? Ti aiuta l’aspirapolvere con il filtro autopulente GoreTex

A leggere di caratteristiche tecniche e di pipponi commerciali ci si annoia, no? Io sono il primo. Ma quando si parla di salute la cosa si fa seria, e il dettaglio fa la differenza.

Dei vari sistemi di filtrazione degli aspirapolvere centralizzati in mercato, uno in particolare si distingue per la sua efficacia nella rimozione delle polveri e per il rispetto dello scarico delle micropolveri in ambiente.

E’ la soluzione adottata da Beam Electrolux nei propri aspirapolvere centralizzati. Puoi infatti fare affidamento ad un particolare filtro sacchetto autopulente in membrana Gore-Tex a filtrazione quasi assoluta (paritetico alle prestazione di un filtro HEPA) dalla porosità di soli 0.3 micron.

Cosa significa? Detto in parole povere, l’alta densità della trama del filtro fa sì che sia possibile arrestare la maggior parte delle polveri, in modo che tutto quello che attraversa il filtro possa di fatto considerarsi aria pulita.

Questo è positivo per 3 motivi:

  • il motore lavora meglio e non corre il rischio di guastarsi. Ho visto tanti, troppi motori bruciati a causa del passaggio di polveri sottili che ne hanno rovinato l’indotto;
  • si riduce l’emissione del pulviscolo in atmosfera. Se è vero che stiamo parlando di polveri sottili del carico trascurabile, che un comune aspirapolvere portatile mette in ricircolo nell’aria di casa, è pur vero che è interesse comune tutelare l’ambiente anche con azioni singole e mirare. E il filtro autopulente in GoreTex è stato pensato proprio per questo;
  • si riducono i tempi di manutenzione: l’effetto autopulente del filtro ti libera dalla frequenza trimestrale di pulizia del classico filtro tradizionale in poliestere.

 

Sfrutta le detrazioni fiscali per l’aspirapolvere centralizzato

Detrazioni fiscali per ristrutturazioni anche per l'aspirapolvere centralizzato
Detrazioni fiscali per ristrutturazioni anche per l’aspirapolvere centralizzato. Credit image Studio Commerciale GEA

Ok, hai avuto la pazienza di leggere fino a qui, e ora sai che puoi predisporre il tuo impianto da solo, traendo un vantaggio economico e risparmiando sul prezzo di installazione. Hai ottenuto qualche informazione in più sulle marche e modelli di aspiratori centralizzati in mercato.

Mica che ti sarà venuta voglia di acquistarlo subito, vero? Se è così, fantastico! Ti conduco anche in questo tratto spiegandoti come fare e dove acquistare ai migliori prezzi. Ma non prima di averti dato importanti informazioni sulle detrazioni fiscali in corso, e perché faresti bene a sfruttarle.

Ti farà comodo sapere che i momenti ideali per dotare la tua abitazione di un impianto di aspirazione sono nella fase di costruzione o di ristrutturazione del tuo immobile.

In fase di costruzione dell’abitazione, se è prima casa, puoi usufruire dell’aliquota IVA agevolata al 4%.

Se sei invece in fase di ristrutturazione del tuo immobile, puoi accedere all’IVA agevolata 10% e puoi anche godere della detrazione fiscale al 50%. Puoi usufruire delle detrazioni fiscali per acquistare il tuo impianto di aspirapolvere centralizzato inviando i documenti al fornitore, comunicando inoltre copia dell’atto di permesso del comune a ristrutturare (SCIA) e siglando un modulo di autocertificazione per l’IVA agevolata.

 

Quanto costa un sistema di aspirapolvere centralizzato?

quanto cosa il sistema di aspirazione centralizzato per la tua casa
Quanto costa il sistema di aspirazione centralizzato per la tua casa?

“Ok Igor, tutto fantastico.. ma posso sapere quanto mi costa questo impianto di aspirazione centralizzato? Mica ce li voglio spendere 3.000 € per un insieme di tubi di plastica e scatole a muro, a quel punto mi compro il folletto e buonanotte ai sognatori!”

Dai, di la verità, è un pensiero comune e se lo hai fatto anche tu non c’è nulla da nascondere! Sono qui per questo ;-).

L’impianto di aspirazione ha un costo significativamente alto nella sua complessività, ma se scisso in fasi di acquisto diverse, ad esempio predisposizione e completamento, il costo si divide e si abbatte nel tempo. La predisposizione ha un costo marginale. Se l’impianto è posato da un installatore professionista, puoi calcolare un costo approssimativo di 110-130 € a punto presa.

Se invece il materiale lo acquisti tu, e poi lo fai posare al tuo installatore (o lo fai da solo), il costo si abbatte ancora di più.

La spesa maggiore, complessivamente parlando, riguarda la centrale aspirante, ed è su questo elemento dell’impianto di aspirazione che ha senso parlare di prezzo.

Si va dai 450 € ivati di un prodotto di larga distribuzione in vendita su eBay o su Amazon, ai 550-600 € di un bidone aspiratutto economico in plastica, fino ai mille e passa euro di un aspirapolvere centralizzato Aertecnica-Tubò o Beam Electrolux.

Il costo maggiore è specchio del brand e della sua forza, e anche delle qualità costruttive e dei componenti interni.

Fai subito un preventivo gratuito per la predisposizione del tuo impianto di aspirazione! Usa il configuratore, uno strumento realizzato ad hoc per aiutarti a realizzare un preventivo fai da te: vedrai prezzi, descrizioni, immagini e link attivi ai prodotti. Potrai inviarti il resoconto via mail e salvarti una copia in PDF! Cosa aspetti? Provalo ora!

 

configuratore preventivo impianto di aspirazione centralizzata

 

Impianto di aspirazione centralizzato: cos’è, come funziona e quanto costa ultima modifica: 2017-02-23T13:00:31+00:00 da Igor Pizzinato